Tinte classiche come Biondo, castano e nero, oppure colori più vivaci come blu, grigio o viola qualunque sia la tua scelta, Capellissimo ti dirà come realizzarle in maniera perfetta con risultati del tutto naturali e quali sono gli errori da evitare.

Che tinta utilizzare per nascondere i capelli bianchi

Quando cominciano a comparire i primi capelli bianchi, e desideri nasconderli la tinta è la soluzione perfetta per ottenere il miglior risultato. È anche però una valida opzione per rinnovare il proprio look magari adottando delle tonalità leggermente differenti da quelle naturali. Il primo passo da fare sarà quindi quello della scelta del colore, e capire se è meglio una tinta con o senza ammoniaca, come stenderla e quali precauzioni utilizzare, prima e dopo.

Tinta per capelli, come realizzarla

La preparazione è il passo più importante per ottenere un buon risultato, e prima di tingere i capelli bisogna prepararli al procedimento chimico. Noi di capellissimo vi abbiamo sempre detto di utilizzare sempre shampoo e balsamo in grado di nutrire i capelli, se già utilizzate il Toppik Shampoo, ricco di cheratina potrete preparare i vostri capelli applicandolo. Per prolungare la vita della tinta sarà utile utilizzare una volta a settimana un prodotto idratante senza risciacquo che possa essere una pellicola nutriente e protettiva. Un altro trucco è quello di utilizzare una noce di balsamo, magari proprio il Toppik Conditioner sia prima che dopo il lavaggio, stendendolo sui capelli asciutti. Questa operazione oltre a nutrire i capelli della cheratina presente nel prodotto aiuterà il colore a fissarsi meglio al fusto.

Toppik Shampoo e Conditioner

Shampoo e Conditioner Toppik sono a base di Cheratina e riescono a nutrire ed idratare i capelli in maniera corretta

Colorazioni classiche, o colori più arditi? Quali scegliere?

Ti piacerebbe provare con dei colori vivaci come il rosso, o un classico biondo, o forse un trasgressivo blu? La scelta non è semplice, anche perché senza provarlo non puoi sapere quale fra questi può starti meglio. In generale, a livello visivo percepiamo i nostri capelli leggermente più scuri di quello che sono in realtà, per questo motivo optare per una tonalità leggermente più chiara è sempre una buona scelta. Se invece hai deciso di dare un cambio radicale, devi considerare come questo colore possa relazionarsi con la tua pelle e i tuoi occhi. Chi ha una pelle chiara con occhi scuri si troverà bene con un biondo caldo oppure un castano chiaro. Nel caso opposto, pelle scura e occhi chiari dovrebbe optare per un biondo miele o mogano evitando assolutamente il nero. Biondo e rosso ramato invece sono perfetti per carnagioni chiare e occhi chiari. Se nonostante queste indicazioni rimani nel dubbio, puoi cercare qualche semplice app per smartphone che cambierà in modo veloce la colorazione dei tuoi capelli, così potrai sceglierla senza correre il rischio di doverla mantenere a lungo.

La scelta della tinta

Anche per la tinta vale la stessa regola che si applica ai prodotti di cosmetica. Utilizza prodotti di qualità, che sicuramente saranno un pò più costosi, ma ti eviteranno spiacevoli sorprese. Se è la prima volta che ti fai la tinta in casa, assicurati che il prodotto, di qualità, non ti causi allergie. Per verificarlo prova a mettere una minima quantità all’incavo del ginocchio, se il giorno successivo non si manifesta alcuna reazione allergica, potrai tranquillamente utilizzarla. Acquistando un prodotto professionale, all’interno della confezione troverai il foglietto illustrativo, seguilo alla lettera e non ti sbaglierai. Quando applichi la tinta utilizza sempre un asciugamano e dei guanti in modo da non macchiarti. In oltre isola fronte, orecchie e collo con della vaselina, se nonostante queste precauzioni dovessi macchiarti pulisciti immediatamente. Ricorda che il colore va sempre steso dalla radice picchiettando con il pennello, per poi passare dopo qualche minuto al resto del capello. Più ti allontani dalla radice e meno tempo dovrai far passare la tinta. Ricordati di non abusare delle tinte, e se possibile utilizza quelle naturali. In generale si consiglia di non superare le sei applicazioni all’anno, in quanto parte della comunità scientifica sostiene che questi elementi chimici possono favorire il cancro al seno. In ogni caso ricorda di non trascurare gli screening per la diagnosi precoce del tumore al seno dopo i 40 anni. Le donne che invece si trovano in stato di gravidanza devono assolutamente evitare le tinte con ammoniaca, optando unicamente per quelle naturali, informando sempre il proprio medico di fiducia. In fine fra una tinta e l’altra vi consigliamo, come spiegato in un recente articolo di effettuare un trattamento purificante per i vostri capelli, in modo da permettergli di superare lo stress post tinta.

 

Share This