Non è mai un buon momento per ritrovarsi calvi, però a seconda dell’età questa problematica può e deve essere affrontata in maniera diversa. Capellissimo ti fornisce una guida pratica per affrontare questo passaggio indesiderato e ti dimostreremo come, nella vita, tutto ha una soluzione.

Zazza Calvo

Il calciatore Simone Zaza

Calvizie prima dei 30

Ritrovarsi calvi non fa mai piacere, e esserlo in giovane età, molto meno. I giovanissimi che soffrono di alopecia, oltre al problema estetico affrontano anche delle problematiche psicologiche. I dati statistici ci dicono il 25% degli uomini, comincia a soffrire la alopecia sotto i trent’anni, se quindi può essere di conforto sapere di non essere i soli ad affrontare questo problema è indubbio però che può arrecare problemi nell’autostima. Certamente nella vita esistono tragedie ben peggiori, e la alopecia può essere affrontata, rallentata e combattuta. Lo stile calvo e rasato ha sempre il suo fascino da uomo maturo e di comando, quindi se siete audaci potete affrontare il problema con grinta rasandovi la testa con la macchinetta al minimo oppure con il rasoio. Se la alopecia è in fase iniziale potrete mascherarla con tagli che coprano le zone sprovviste di capelli, oppure vi possono essere di aiuto le microfibre di cheratina che dissimuleranno perfettamente la stempiatura. Il trapianto invece, è la soluzione definitiva, ma è meglio ricorrere a questa possibilità quando la calvizie sarà meglio definita. Nel frattempo cominciate a prendervi cura dei vostri capelli, con Shampoo e Balsamo che gli rafforzino e frenino la loro caduta, sarebbe stato meglio farlo già da prima, ma a questo punto cerchiamo di salvare quelli che abbiamo.

Calvizie prima dei 40

Non sei mai stato un fenomeno su un campo da calcio, nemmeno il più bello, il più popolare o come si direbbe oggi “il più influencer”, però certamente sapevi di poter diventare un “Signore interessante”, avvalendoti del piatto freddo della vendetta contornata di superiorità intellettuale e successo lavorativo. La alopecia probabilmente non rientrava nei tuoi progetti, anche se quella stempiatura ti dona un aria da uomo vissuto. Certo però rivederti in alcune foto, quando quelle belle chiome capeggiavano sulla tua testa ti fa venire indubbiamente molta nostalgia. Se però oggi hai un età che si avvicina ai 40, puoi prendere come riferimento personaggi come Bruce Willis, Jason Statham oppure Vin Diesel tipi duri, calvi, calvissimi e super sexy. A conferma di ciò esistono vari studi che garantiscono che le donne trovano più attraente l’uomo rapato perché lo percepiscono come più forte e dominante. Il nostro consiglio quindi può essere solo questo, se sei in grado di poter dissimulare la calvizie, perché è presente in alcune zone, dissimula, altrimenti dacci un taglio radicale. Non rimanere in uno stato di indecisione, perché non ha proprio nulla di sexy.

calvo sexy

Bruce Willis uno degli uomini più sexy

Calvizie prima dei 50

Dopo anni di sacrifici e lavoro fino a notte fonda che ti ha costretto a perdere non pochi compleanni dei tuoi figli, finalmente hai raggiunto il posto che ti meriti, sei un professionista affermato e apprezzato, e magari con un bel conto in banca. Sai bene che la concorrenza è feroce e ogni anno arriva un nuovo competitor e una orda di ragazzini sbarbati, ma ahinoi con tanti capelli, che ti vogliono anche soffiare il posto. Quindi tu fai valere la tua esperienza mostrandoti ancora il leone dominante, e se la criniera scarseggia cerca di rinfoltirla con trucchetti come le polverine per capelli, e con shampoo adeguati, se invece è già sparita da tempo, fa valere il vigore e tutto il fascino della tua pelata. Però, per amor di Dio, non ridurti a scimmiottare i ragazzini di vent’anni.

Calvizie prima dei 60

Perché un uomo della tua età, che paga regolarmente le tasse, mantiene i suoi familiari arriva puntuale al lavoro, e mai si sognerebbe di usare il risvoltino dovrebbe pensare al trapianto di capelli? La risposta è una, e solo una… Divorzio. Non entriamo nel merito di colpe e responsabilità, ma la realtà è che ti ritrovi sul mercato, il problema però è che sei come un auto di seconda mano che ha passato 30 anni in garage. Per questa ragione ti sei iscritto in palestra, hai iniziato una dieta sana e equilibrata, e sicuramente hai già fatto visita dal chirurgo plastico per un lifting, quindi perché non anche un trapianto di capelli? D’altronde l’ultima volta che sei uscito per rimorchiare ne avevi di capelli. Quindi preparati ad essere si un auto che è stata chiusa in garage, ma una splendida sportiva che dopo qualche ritocco è pronta a rombare di nuovo. Il consiglio che ti diamo noi di Capellissimo è che dopo aver speso un capitale nel trapianto di capelli, cominci ad acquistare Shampoo e Balsamo di qualità, non vorrai perdere anche questi, vero?

Aldo Giovanni e Giacomo

I comici Aldo Giovanni e Giacomo

Calvizie prima dei 70

Il lato positivo dell’invecchiamento è che puoi uscire a comprare il giornale in ciabatte fregandotene altamente dell’opinione altrui, puoi passare settimane senza farti la barba, e usare i vestiti di sempre senza dover seguire l’ultima moda a questo punto, penseranno in molti, puoi fare compagnia ai tuoi coetanei intrattenendoti davanti ad un bel cantiere criticando gli operai ricordandogli come si eseguivano i lavori ai tuoi tempi. Ma anche no! A quasi 70 anni non sei una “vecchia ciabatta”, probabilmente sei ancora un rispettato lavoratore, libero professionista o dipendente, e se invece hai avuto la fortuna di poter andare in pensione, hai ancora energia per farti valere. La depressione da invecchiamento la lasciamo agli smidollati, noi che siamo uomini veri ogni settimana andiamo a farci la barba dal barbiere, e la domenica mettiamo il vestito buono. Accompagniamo la nostra signora a fare la spesa e la sera presidiamo cene con amici. Quando possiamo viaggiamo e continuiamo a fare sport. Abbiamo anche pensato al trapianto di capelli? Se ce lo possiamo permettere perché non toglierci questo sfizio con un rinfoltimento e un cambio di look? L’importante è sentirci bene con noi stessi, e dar risalto alla nostra personalità.

Share This