Fabio Volo, scrittore, conduttore radiofonico e televisivo, attore, sceneggiatore è uno dei personaggi più popolari degli ultimi tempi, grazie alle sue grandi capacità di comunicatore ed il suo libro in vetta a tutte le classifiche.

Fabio Volo e i suoi capelli

Fabio Volo, all’anagrafe Fabio Bonetti classe 1972 comincia a lavorare a Radio Capital nel 1996 e due anni dopo diventa una Iena (fino al 2001) da allora è sempre andato in crescendo, passaggio a Radio Deejay, i primi programmi condotti su Mtv, i primi film e i primi libri. Inarrestabile. Oggi lavora alla seconda stagione della sua serie Untraditional, mentre il suo ultimo libro “Quando tutto inizia” edito da Mondadori è in vetta alle classifiche letterarie. Avendo, Fabio Volo una carriera artistica, e sopratutto televisiva così lunga, ci permette di verificare, come con il passare degli anni è cambiata la sua capigliatura.

Le iene

Fabio Volo alle Iene con Simona Ventura e Andrea Pellizzari

Fabio Volo, la giovane Iena

Quando nel 1996, Fabio Volo comincia la sua carriera televisiva come Iena aveva una capigliatura definita e leggermente tendente al riccio, si poteva già notare un principio di alopecia, ma stiamo parlando di un ragazzo di 20 e pochi anni. Dobbiamo anche tenere in conto, che la tv amplifica anche un leggerissima calvizie. Negli studi televisivi l’illuminazione è fortissima, e questa, più l’effetto delle telecamere tendono ad ampliare il bianco della pelle, aumentando così l’effetto visivo del diradamento. Quindi un principio di calvizie in tv apparirà come una alopecia ben pronunciata.

Fabio Volo e la Alopecia

Con il passare degli anni, e delle trasmissioni in cui lavora, si può vedere come per Fabio Volo aumenti la calvizie, intensificandosi nella parte alta della testa e sopratutto nella zona frontale. Lo scrittore, fra l’altro, ha spesso parlato di questa problematica e di come la affronti senza particolari drammi. Appoggiamo completamente l’atteggiamento che ha Volo verso la Alopecia, anche perché è un fatto del tutto naturale, ed al giorno d’oggi esistono numerose maniere per poterla combattere esteticamente.

Volo e le microfibre

Una recente apparizione di Fabio Volo

Fabio Volo e il (non) trapianto

Alcune riviste scandalistiche, dopo qualche apparizione di Volo in tv, a Che tempo che fa, sollevarono il dubbio che lo scrittore si fosse sottoposto ad un trapianto di capelli, in quanto si poteva notare una chioma rinfoltita. È vero che Fabio Volo più volte si è detto non contrario al trapianto dei capelli, ma ha anche detto, che al cinema ed in tv usa sempre le “polverine per capelli”. Sembra che proprio le microfibre di cheratina siano la causa del rinfoltimento sulla testa di Fabio Volo. D’altronde nell’era dei social in cui viviamo, possiamo vedere dai suoi video e stories di Instagram, che la folta chioma è scomparsa già dal giorno seguente, escludendo così ogni tesi a favore del trapianto. Quindi il trucco che ha usato Fabio Volo per presentarsi in tv, con una folta capigliatura è da attribuirsi unicamente alle microfibre di cheratina, adesso non sappiamo se lo scrittore le utilizzi anche in speciali occasioni della sua vita privata, ma in tv ed al cinema sicuramente, fra l’altro è lui stesso a dirlo in una puntata di Untraditional quando parla con Silvio Muccino.

Share This