Seleziona una pagina

Cristiano Ronaldo, il miglior giocatore di calcio al mondo, questo ragazzo, classe 1985, nato a Madeira un isola nell’oceano atlantico appartenente al Portogallo ha avuto una costante e vertiginosa crescita, noi di Capellissimo però non vi parleremo delle sue grandissime doti come giocatore, ma di come il suo look in fatto di capelli è cambiato durante gli anni

Cristiano in portogallo

Un giovanissimo Cristiano Ronaldo

Il bambino di Madeira che giocava nello Sporting Lisbona

CR7 è conosciuto per essere il miglior giocatore al mondo e per la sua continua sfida con Messi, ma anche per il suo look ed il suo stile preso ad esempio da tantissimi uomini di varie nazionalità ed età. Con il crescere della sua popolarità Cristiano ha dato sempre maggior importanza al suo aspetto fisico, che cura in modo maniacale. Vedere le fotografie ai tempi dello Sporting Lisbona, si nota un ragazzino ancora acerbo, sia in campo che nello stile, ma che lasciava già intravedere un grande futuro.

Cristiano prima di CR7

Inizialmente il suo look era un pò trasandato, dobbiamo considerare che era molto giovane, e che proveniva da una delle zone più povere di Madeira, che già di per sé non è fra le regioni più ricche del Portogallo. Isolata geograficamente, culturalmente e economicamente la terra natale di Cristiano non poteva certo offrire esempi di stile. I suoi capelli erano medio lunghi ed arricciati, contornati da una barbetta adolescenziale. La svolta stilistica e da giocatore arriva con il suo approdo al Manchester United.

A Manchester Nasce CR7

Appena maggiorenne Cristiano arriva a Manchester e sotto la guida di Alex Ferguson comincia a farsi notare come il grande giocatore, che poi diverrà. In questo periodo il suo look comincia a cambiare, sicuramente l’Inghilterra riesce a modellare il suo stile e poco a poco i suoi riccioli ribelli vengono domati dalla gelatina, per far questo CR7 ha certamente utilizzato dei prodotti per capelli di alta qualità.

I capelli di Cristiano Ronaldo

Cristiano presenta stili con ciuffetti, o capelli spostati sul lato abbandonando del tutto i tagli medio lunghi, troppo difficili da controllare, a favore di quelli corti, e tal volta ha anche sfoggiato tagli in stile militare. In poco tempo il portoghese conquista i cuori dei sostenitori dei Red Devils e diventa un esempio di stile, gli viene affidata la maglietta numero 7, portata in passato da campioni come Cantona, Best o Beckham e il suo stile nel battere le punizioni diviene un icona. A lui si interessano i grandi marchi, e diviene sponsor ufficiale della Nike con cui crea il logo CR7.

Gel per capelli, come utilizzarlo

Negli ultimi anni il gel per capelli é un pò passato di moda, seppur molti uomini non possono rinunciarvi. In molti si chiedono se questo, può portare alla calvizie, o comunque può rovinare e danneggiare i capelli. Per prima cosa bisogna utilizzare prodotti di qualità, che siano in grado di rispettare la chioma. Se amate utilizzare la gelatina ricordate che va sempre applicata su capelli puliti, e quando utilizzate lo Shampoo fate attenzione che non rimangano scorie. Si consiglia di utilizzare uno Shampoo che sia in grado di nutrire correttamente i capelli e non solamente pulirli, come ad esempio il Bed Head Re-Energize.

 

Madrid, il ragazzino diventa uomo

Cristiano Ronaldo arriva a Madrid con una Champions e un Pallone d’Oro, e lascerà i Blancos con quattro Champions League vinte cinque anni e altri due Palloni d’Oro, più incredibili sfide con Messi. CR7 si presenta ai tifosi del Real con una cresta curata nei minimi dettagli, forse anche per ricordare lo stile Beckham, anch’egli proveniente dai Red Devils. Le sue pettinature vedono questa cresta, che diventa quasi il suo marco di fabbrica alzarsi di qualche centimetro.

La consacrazione e tagli di capelli più stravaganti

Con la conquista delle “Decima” la cresta comincia a spostarsi sul lato, e si accorcia di qualche centimetro. Con la definitiva consacrazione e le tre Champions di seguito vinte, i capelli di Cristiano si accorciano lasciandoli rasati sul lato e alternando un corto con un cortissimo nella parte superiore. In questi anni il ragazzino di Madeira è diventato un uomo, padre di famiglia e marchio dal fatturato vertiginoso. Oltre il suo altissimo stipendio come calciatore, combina entrate con il propio marchio CR7, impegnato nella moda come nel settore del benessere.

Jueventus, la maturità di Cristiano Ronaldo

In questa sua tappa italiana, CR7 ha raggiunto la maturità sportiva e anche umana. Ormai é un uomo di 35 anni, padre di famiglia, quindi ha abbandonato i look più stravaganti per uno stile molto più serio. A Torino é difficile vederlo in giro per feste ed eventi mondani, se non legati a ragioni promozionali delle sue innumerevoli attività.

 

Capellissimo-contatti

Segui Capellissimo su InstagramTwitterFacebookYoutube ed ora anche su TikTok
Contattaci telefonicamente dal Lunedì al Venerdì dalle 9,00 alle 13,00 al NUMERO 349 1831976 oppure Scrivici su Whatsapp

 

Share This