Capelli » Capelli: cura, moda, bellezza, acconciature e tagli di capelliPage 2

Capelli: cura, moda, bellezza, acconciature e tagli di capelli

da | Mar 2, 2018

“Tutto quello che vi serve sapere sui capelli: cura, moda, tagli per la bellezza dei vostri capelli e del vostro cuoio capelluto”

I Capelli sono dei peli che crescono sulla cute del cranio umano, strutturalmente sono simili ai peli comuni, ma si differenziano per l’elevatissimo numero e per la loro lunghezza, si iniziano a formare al quarto mese della vita fetale, sotto forma di peluria.
Presentano variazioni di tipo sessuale, etnico ed individuale.
Negli uomini vengono comunemente visti come simbolo di virilità, mentre di seduzione per le donne.

Indice

Curiosita storiche sui capelli: usi, costumi e acconciature dei capelli nelle diverse culture

Anticamente in Cina, tagliare i capelli veniva visto come un disonore, mentre in Francia il capello lungo era un privilegio concesso unicamente ai re e ai nobili. I Capelli lunghi avevano anche una connotazione religiosa, ad esempio gli ebrei ortodossi non gli radono (come anche la barba) ai lati, mentre sciamani ed eremiti sostenevano che questi gli avvicinasse maggiormente al sovrannaturale.
In controtendenza invece, i soldati romani usavano portare capelli e barba corti in modo da non offrire un punto di presa al nemico.

Composizione dei capelli: quali sono gli elementi dei nostri capelli

I capelli sono composti da proteine solide, come la cheratina, in una percentuale compresa fra il 65 e il 95%, da acqua, lipidi, pigmenti e oligoelementi.
Un altra proteina solida che presente nel capello é la melanina che ne determina il colore; in caso di capelli grigi, i granuli di pigmento sono in numero ridotto, in quelli bianchi sono del tutto assenti.
Nei capelli biondi i granuli di pigmento sono ridotti e parzialmente melanizzati. 
Il ferro ha un ruolo primario nella sintesi dell’emoglobina del sangue per l’ossigenazione dei tessuti, fra le altre sostanze che hanno un ruolo importante nella vita del capello, ci sono: lo zinco, il magnesio e infine il rame, che insieme partecipano al processo di formazione della melanina.

I follicoli: hanno un ruolo fondamentale per contrastare l’alopecia

I follicoli dei capelli contengono enzimi recettori di ormoni androgeni, e altri enzimi responsabili della loro conversione in altri ormoni androgeni a livello del cuoio capelluto: Contengono la P450 – aromatasi in grado di convertire il testosterone in estrone, quindi un ormone che causa alopecia contrapposto ad uno che al contrario stimola la crescita dei capelli. Contengono anche 5 alfa – reduttasi, in grado di convertire il testosterone in DHT.
La P450 – aromatasi prevale nel follicoli occipitali, mentre la 5 – alfa – redattasi in quelli frontali. Nelle donne la P450 – aromatasi nei follicoli frontali è sei volte maggiore, mentre la 5 – alfa – reduttasi tipo 1 e tipo 2 è rispettivamente 3 e 3,5 volte minore. I recettori degli androgeni contenuti nei follicoli dei capelli delle donne sono approssimativamente il 40% in meno che negli uomini.

Quanto crescono i capelli: il ciclo di vita del capello

I capelli crescono a una velocità di circa 0,3 mm al giorno ed sono soggetti a un ciclo di crescita della durata di 2 – 6 anni, al termine di questa vita il capello cade e viene naturalmente sostituito. La vita del capello si divide in tre fasi: Anagen, Catagen e Telogen.

La sua lunghezza può variare molto, ma difficilmente raggiunge il metro, insieme alle unghie e alla barba, sono le uniche parti del corpo umano che crescono continuamente durante l’arco della vita.

Struttura del capello: come sono fatti i nostri capelli

Il pelo è strutturato a forma di bastoncino che fuoriesce dall’epidermide e si divide in:

  • fusto,
  • radice
  • e bulbo.

Il fusto è la parte esterna del follicolo

Il fusto è la parte esterna del follicolo pilo – sebaceo. Ha una forma tubolare più o meno sporgente della superficie cutanea. È formato da cheratina, flessibile e resistente. La sua estremità è più sottile viene definita apice.

La radice: la prolungazione dello stelo

La radice, invece è la prolungazione dello stelo all’interno della pelle, ed è composta dall’ostio follicolare e l’attacco inferiore del muscolo pilo-erettore. La radice è avvolta dal follicolo ad eccezione della sua parte superiore, dove tra il pelo e l’epidermide rimane un piccolo spazio.

Il Bulbo: l’elemento più profondo dei tuoi capelli

In fine il bulbo si trova in una posizione più profonda. Alla sua base troviamo una zona definita matrice del pelo. Essa è costituita da tre o più file sovrapposte di cheratinociti che si riproducono velocemente per mitosi. La matrice provvede alla formazione e alla crescita del pelo e della guaina epiteliale interna.

La struttura del capello (pelo) in orizzontale

Analizzando il pelo in orizzontale troviamo tre zone fondamentali:

  • La cuticola,
  • la corteccia
  • il midollo.

La cuticola: lo strato esterno dei capelli

La cuticola è lo strato esterno del capello e si costituisce di cellule cui il loro compito è quello di proteggere l’interno da possibili danni chimici, fisici o traumatici.

La corteccia: la parte più voluminosa dei capelli

La corteccia è la parte intermedia e quella più voluminosa, al suo interno contiene un pigmento melanina su cui agiscono eventuali trattamenti chimici e determina la resistenza e l’elasticità del capello.

Il midollo: la parte centrale del capello

In fine il midollo è la parte centrale. Per gli esseri umani è la parte meno corposa, e probabilmente la sua funzione è legata alla termoregolazione, ma gli studi a riguardo non sono concordi.

Forma dei capelli

La forma dei capelli tende a variare a seconda delle etnie. I capelli possono essere lisci (lissotrici), ondulati (cimotrici) e crespi (ulotrici); i primi si trovano più frequentemente nei biondi di popolazione mongola, i secondi sono più frequenti nei gruppi etnici di provenienza europea, mentre i crespi sono tipici delle etnie negroidi. La differenza deriva dal fatto che nel biondo e nell’orientale la sezione trasversale del fusto pilifero è circolare e il fusto è dritto od ondulato, mentre nel nero essa è ellittica o appiattita e il capello assume il classico andamento elicoidale. Come per gli altri peli i capelli sono soggetti a caduta continuata che se avviene entro certi limiti e seguita da rigenerazione, è un fenomeno del tutto fisiologico. Il numero dei capelli varia a seconda del colore: i biondi sono mediamente 150.000, i neri 110.000, i castani 100.000 e i rossi 90.000. La densità dei capelli varia a seconda delle zone del cuoio capelluto ed è mediamente di 150 capelli per cm². La quantità dei follicoli presenti alla nascita, sul cuoio capelluto, è determinata geneticamente.

Colore dei capelli

La melanina, che è una sostanza colorata, determina il colore dei capelli, e può essere di due tipi: l’emmelanina, scura (capelli neri); e semelanina, chiara (capelli rossi o biondi).

I capelli biondi, castani e neri

Nei capelli biondi i pigmenti di melanina sono presenti nella sola cuticola, mentre nei colori che vanno dal castano al nero sono presenti anche nello strato midollare.

I capelli rossi

Nei capelli rossi i pigmenti di melanina sono sostituiti da pigmenti solubili diffusi.
Nel DNA gli alleli del nero prevalgono sul biondo, che a sua volta domina sul rosso. Nei geni che determinano la forma il carattere lanoso, ricciuto, crespo e ondulato sono dominanti sul tipo liscio.

Capelli bianchi: perché i nostri capelli diventano così?

I capelli diventano bianchi, per la perdita dello scambio enzimatico tra la tiroxina e i menatocisi, le cellule che producono melanina e possono anche cambiare colore improvvisamente.

Il colore dei capelli dipende dalla presenza di alcuni elementi nella loro composizione

I capelli sono anche ricchi di elementi, che variano a seconda del loro colore: il ferro è più abbondante nei capelli rossi, il magnesio in quelli neri, il piombo nei capelli castano.
I capelli possono essere neri, fra i più diffusi al mondo, castani con diverse tonalità, biondi o tendenti al giallo tipici delle popolazioni nordiche dove la melanina è inferiore a causa del clima più freddo. I capelli rossi invece, si devono a un gene recessivo che ha un 25% di possibilità di presentarsi da una coppia di genitori che non hanno i capelli rossi, ma hanno entrambi la presenza del già citato gene. Nel caso in cui entrambi i genitori hanno i capelli rossi è certo che i figli erediteranno lo stesso colore.

I Capelli rossi: sono sempre associati ad una pelle bianca

I capelli rossi sono associati anche ad altre caratteristiche corporee, in particolare alla pelle bianca con spesso presenza di efelidi.

Incanutimento o canizie: i capelli bianchi si hanno verso i 30-40 anni di età

Intorno ai 30 – 40 anni, sia negli uomini che nelle donne, i capelli possono diventare bianchi (o biondo perla). Questo fenomeno è detto incanutimento o canizie ed è del tutto naturale.

Come mai si hanno i capelli bianchi: le cause delle canizie o incanutimento

Le cause sono principalmente genetiche, metaboliche, nutritive e psicologiche. Il fenomeno della canizie può verificarsi in età precoce per un motivo ereditario e non di invecchiamento. La canizie congenita invece è dovuta al fenomeno dell’albinismo, che consiste in un anomalia dovuta alla totale o parziale deficienza di pigmentazione melaninica nei peli e nei capelli (in altri casi anche nella pelle, nell’iride e nella coroide) causata da un assenza o un difetto dell’enzima tirosinasi. Alcuni studi sostengono che il magnesio, tra i vari benefici, avrebbe anche quello di rafforzare il capello e renderlo più scuro. I magnesio comunque va usato con cautela.

Cura dei capelli: come combattere i nemici principali dei capelli

Per mantenere i capelli sani e di conseguenza belli è importante evitargli stress termici o meccanici, il deposito di elementi che impediscono la traspirazione, la pulizia o che attivano reazioni ossidanti. Quindi i nemici principali dei capelli sono: polvere, smog, sabbia, sudore, forfora e raggi ultravioletti.

In estate è preferibile usare un cappellino e prodotti che proteggano il vostro cuoio capelluto dai raggi UV

In estate un cappellino riesce a garantire una protezione del 60% che può essere aumentata al 90% utilizzando oli con fattore solare, come creme e impacchi con olio di cocco, oppure appositi spray solari come i raggi UVA e UVB. Numerosi studi, hanno provato come l’esposizione prolungata a raggi ultravioletti, naturali ed artificiali, danneggino i capelli in quanto ne modificano la composizione chimica, provocano una perdita di proteine della cuticola (durante un eccessiva esposizione). I capelli eccessivamente esposti a raggi UVR hanno una minore resistenza alla trazione e una maggiore predisposizione all’attacco degli alcali e alla formazione dell’acido cistico. Alcuni studi hanno dimostrato che quando i capelli sottoposti a stress degli UVR sono stati trattati con perossido di idrogeno alcalino, la melanina in essi presente viene immediatamente disintegrata, provando il danno provocato dall’esposizione solare.

Il lavaggio in estate: come lavare i vostri capelli e che prodotti utilizzare

Al fine di evitare stress meccanici e termici, i capelli andrebbero lavati con acqua tiepida e risciacquati in acqua fredda, in modo da chiuderne le squame e renderli più lisci e lucenti. Durante il lavaggio, bisogna massaggiare la radice e la pelle con i polpastrelli delle dita, senza però utilizzare le unghie, toccando leggermente le lunghezze, evitando pettini e spazzole in plastica per impedire un accumulo di elettricità statica. Utilizzare quindi, sempre i polpastrelli e l’asciugamano senza provocare sfregi.
Appena lavati non vanno pettinati, cosa che bisogna fare solo a capelli secchi, perché potrebbero rompersi e provocare le fastidiose doppie punte. Quando si utilizza l’asciugacapelli é consigliabile posizionarlo a velocità e temperatura intermedia senza diffusore, se possibile però, é meglio far asciugare i capelli da soli raccolti in una cuffia protettiva.
Se i capelli vengono a diretto contatto con sostanze acide, con pH da 0 a 7 (aceto, balsamo per capelli) le squame di questi si chiudono, lasciandoli morbidi, nel caso in cui venissero invece a contatto con sostanze alcaline, con pH da 7 a 14 (acqua di mare, candeggina o altri liquidi con queste caratteristiche, le squame si aprono facendoli diventare crespi. Per la salute dei capelli è bene evitare le piastre.

Il lievito di birra sul cuoio capelluto favorisce la crescita dei vostri capelli

Per favorire la crescita dei capelli, si consiglia di utilizzare con regolarità il lievito di birra sul cuoio capelluto, massaggiandolo delicatamente. È in oltre di fondamentale importanza utilizzare sempre e solo sciampi e balsami di qualità.

L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale per la salute dei vostri capelli

Anche l’alimentazione ha un ruolo importante per la salute dei capelli e può essere migliorata con l’assunzione di integratori contenenti ferro e magnesio, come anche da vitamine nutritive. Trattamenti a base di acque termali favorirebbero una crescita più sana e veloce.

Capelli: gli articoli del nostro blog con preziosi consigli su
come curare la bellezza delle vostre chiome

Calvizie, perché si perdono i Capelli

Secondo uno studio, Psychological Effect, Pathophysiology, and Management of Androgenetic Alopecia in Men, pubblicato nel 2005, l’Italia è fra i primi 10 Paesi al mondo per numero di persone calve. Ma perché si perdono i capelli? E perché sono gli uomini i più...

Rimedi naturali contro la Calvizie

Negli ultimi tempi le persone cercano delle soluzioni il più naturali possibili contro molte problematiche. In questo trovano nella rete una quantità enorme di informazioni (e spesso presunte tali). La Calvizie non fa eccezione. Vediamo quindi i rimedi naturali contro...

Shampoo, uno per ogni esigenza

L’arrotondata chioma di Chris Hemsworth, il brizzolato sempre in voga di George Clooney, l’infinita creatività di David Beckham, le ridicole mesh di Neymar (durante i mondiali di calcio ne abbiamo viste di tutte), il codino samurai di Ibrahimovic.. se gli occhi sono...

Share This